Il successo di una libreria a conduzione familiare all’epoca del Covid

“Che bello che avete riaperto!” ha commentato allegramente una signora mentre entrava nella libreria.

La Libreria Lauri in Via dei Faggi a Roma, ha radici profonde, tramandate da tre generazioni della stessa famiglia nel corso di 55 anni. Il negozio era stato chiuso a causa del lockdown, chiusura dolorosa per coloro che vi si affidano per notizie, intrattenimento e come luogo di scambio di storie e idee.  Quando hanno riaperto in aprile, sono stati accolti calorosamente dalla comunità che servono. 

La libreria è iniziata dal sogno di un magazziniere che ha risparmiato centesimo su centesimo, finché non ha avuto fondi sufficienti per un piccolo spazio di vendita. Con il decollo dell’attività, la Libreria Lauri si è trasferita in uno spazio molto più grande in cui si trova attualmente. La Libreria Lauri è attualmente di proprietà di Anna di Marco, figlia del proprietario originario, che la gestisce con l’aiuto della figlia Luana.

Le librerie indipendenti avevano difficoltà, anche prima della pandemia. Una volta erano un luogo dove la comunità poteva riunirsi, consigliare libri, chiacchierare e magari trovare la prossima storia preferita. Ma le chiusure dovute alla pandemia e i grandi retailer online hanno ostacolato questo modello di business personale. Luana ci dice: “La gente non si ferma più a parlare come prima della pandemia. Ci chiedono quante persone si trovano all’interno del negozio prima di entrare perché c’è paura dei luoghi affollati.” 

Per fortuna, Luana non è solo un’amante dei libri, ma anche un’appassionata shopper di Wish. Un giorno l’anno scorso Luana notò che un articolo ambito era disponibile localmente tramite la funzione Ritira subito di Wish. Acquistò rapidamente l’articolo e corse dal tabaccaio del quartiere per ritirare il suo ordine, pronto in 5 minuti. Luana afferma: “Chiesi al tabaccaio come avevano avuto accesso al programma. Mi spiegarono tutto e una volta tornata a casa, mi iscrissi subito.” E così, la Libreria Lauri è entrata a far parte della famiglia Wish Local. 

Prima della pandemia, la libreria usufruiva di Wish Local e del grande giro di clienti costituito dagli acquirenti Wish. Luana dice: “Abbiamo iniziato a ricevere ordini per il ritiro e non ci siamo mai fermati. Dopo pochi mesi, Spedito in negozio è diventata la nostra fortuna. In meno di un anno abbiamo realizzato più di 2.000 ritiri.” Luana stima che il 30% degli acquirenti di Wish quando viene a ritirare i pacchi, finisca per comprare anche libri. 

Nonostante i problemi, la famiglia di Marco è determinata a reinventare la propria attività per adattarsi al clima economico in continua evoluzione. Entrando a far parte di Wish Local, la Libreria Lauri promuove i propri prodotti ad una più ampia rete di acquirenti locali e digitalizza la propria attività. Il negozio sta iniziando a sperimentare la vendita online dei propri prodotti con Vendi su Wish per raggiungere clienti scettici sullo shopping di persona a causa dei problemi causati dalla pandemia. “Ho caricato nove nuovi SKU proprio stamattina”, afferma Luana.

La Libreria Lauri è destinata a durare, perché nessuna pandemia o esperienza online sarà mai in grado di distruggere la magia di un punto d’incontro come questo. Luana ribadisce: “Leggere, disegnare e colorare è quello che un bambino può fare per immaginare un mondo migliore… Possiamo offrirgli dei sogni. In ogni libro c’è un sogno da vivere.”